top of page

LA DIVISIONE

La divisione Red Hydrogen di Renova Red si occupa della costruzione di impianti per la produzione, lo stoccaggio, il rifornimento ed il trasporto di idrogeno.
L’idrogeno prodotto viene ottenuto per elettrolisi dell’acqua tramite il passaggio di corrente in appositi elettrolizzatori ed il contemporaneo rilascio di ossigeno in atmosfera (a meno di impieghi più utili). Il focus dell’Azienda è l’
idrogeno Green e per questo è orientata anche verso gli impianti di energia rinnovabile, siano essi fotovoltaici, idroelettrici o eolici.
L’a divisione dell'idrogeno è in grado di progettare gli impianti secondo le più attuali normative tecniche e di sicurezza con l’obiettivo di ottenere idrogeno di ottima qualità, al prezzo più basso possibile, nel pieno rispetto dell’ambiente e della sicurezza.

Grazie al Team di Ingegneri e Professionisti, la divisione è altamente strutturata per la partecipazione a bandi e gare sul territorio italiano e non solo.

I SETTORI DI IMPIEGO DELL’IDROGENO PRODOTTO DA RENOVA

L’idrogeno prodotto con gli impianti Renova Red può essere impiegato nei settori più diversi, tra i principali:

IMPIANTI RENOVA RED: PROGETTAZIONE E VERSATILITA’

La progettazione di un impianto per la produzione di idrogeno è un processo iterativo che comporta diverse fasi:

  1. La prefattibilità, durante la quale si impostano i parametri più importanti necessari ad ottenere le prestazioni richieste dal cliente per l’applicazione che si dovrà alimentare con idrogeno.

  2. La progettazione definitiva, durante la quale si selezionano le migliori soluzioni tecnologiche e si gettano le basi per una gestione ottimale dell’impianto.

  3. La progettazione esecutiva, che identifica con marca e modello le apparecchiature da installare, definisce il percorso degli impianti e completa l’impianto con il sistema automatizzato di comando e controllo.


Gli impianti Red Hydrogen sono altamente versatili: il design modulare dei componenti consente di ottenere soluzioni flessibili per l'ottimizzazione del layout di progetto in qualsiasi applicazione.

L’IMPEGNO PER LA SOSTENIBILITA’
Red Hydrogen ripone grande attenzione sulle tematiche relative la sostenibilità ambientale, pertanto si impegna ad utilizzare materiali efficienti e tecnologie green all’avanguardia.
La divisione ha sviluppato un modello operativo volto a preservare la natura del nostro pianeta:

l’idrogeno “consumato” dall’impianto del cliente, oltre che energia elettrica produrrà nuovamente anche acqua, quella stessa acqua che l’impianto di Renova Red aveva utilizzato per produrre idrogeno e che ritorna – purificata – nell’ambiente, magari dopo aver fatto muovere treni, navi o satelliti artificiali.

FORMAZIONE DEL PERSONALE SPECIALIZZATO E MANUTENZIONE
Red Hydrogen si occupa anche della formazione del personale specializzato che dovrà operare nell’impianto e della manutenzione dei principali apparati, consegnando al cliente un impianto economico, sicuro e facile da gestire.
Grazie alla manutenzione programmata, La divisione è in grado di mantenere nel tempo gli standard più elevati di efficienza, rendendo l’impianto sempre altamente performante.

treno
TRASPORTI
Terrestri, Ferroviari, Navali, Aerei, etc.
Vista aerea del centro di distribuzione
LOGISTICA
Robot Industriali, Carrelli Elevatori, Droni, Transpallet, etc.
Pompe di benzina
E-FUELS
Prodotti dalla combinazione chimica di Idrogeno e Anidride Carbonica

LA RETE PER L’IDROGENO: COLLABORAZIONI SCIENTIFICHE E PARTNER PER LO SVILUPPO
Red Hydrogen svolge anche azione di supporto alla ricerca scientifica svolta nelle Università pubbliche e nei centri di ricerca privati per sviluppare ed ottenere soluzioni rispettose dell’ambiente, che possano ridurre i costi di produzione dell’idrogeno.

Partnership Scientifiche per l’idrogeno: Università degli Studi di Perugia.


La divisione ha inoltre strutturato nel tempo una solida rete per lo sviluppo di progetti avanzati e innovativi.
Collaborazioni strategiche per l’idrogeno: Toyota, Idrogena, Artelia, Erregi, Linde, Atlas Copco.

logo_artelia_couleur_300dpi_jpg_0.jpg
bottom of page